CG26: Don Bosco dono per la Chiesa, il messaggio del Papa

martedì 26 febbraio 2008
News in Pastorale Giovanile

“I figli di don Bosco appartengono alla folta schiera di quei discepoli che Cristo ha consacrato a sé per mezzo del suo Spirito con uno speciale atto di amore”, afferma il Pontefice ricordando che il consacrato è chiamato a divenire, come il Cristo, segno di contraddizione, testimone di uni stile di vita alternativo vigilando sui possibili influssi del secolarismo.

Riferendosi a Don Bosco lo definisce: come il “santo di una sola passione: «la gloria di Dio e la salvezza delle anime»”; passione che ogni salesiano è chiamato a perpetuare conoscendo, studiando, amando e imitando il santo dei giovani. Il Papa invita i salesiani a “a superare la dispersione dell`attivismo e coltivare l`unità della vita spirituale attraverso l`acquisizione di una profonda mistica e di una solida ascetica” per alimentare l`impegno apostolico e garantire l’efficacia pastorale. La lectio divina, l’Eucaristia, una vita semplice, povera, sobria aiuteranno il salesiano consacrato a irrobustire la sua risposta vocazionale.

Ai salesiani, che devono bruciare della stessa passione apostolica del fondatore, il Papa affida il compito della evangelizzazione. “La Chiesa universale e le Chiese particolari in cui sono inseriti attendono da loro una presenza caratterizzata da slancio pastorale e da un audace zelo evangelizzatore”. “L`evangelizzazione sia la principale e prioritaria frontiera della loro missione oggi. – prosegue il Pontefice - Essa presenta impegni molteplici, sfide urgenti, campi di azione vasti, ma suo compito fondamentale risulta quello di proporre a tutti di vivere l`esistenza umana come l`ha vissuta Gesù. Nelle situazioni plurireligose ed in quelle secolarizzate occorre trovare vie inedite per far conoscere, specialmente ai giovani, la figura di Gesù, affinché ne percepiscano il perenne fascino”. “Il loro carisma li pone nella situazione privilegiata di poter valorizzare l`apporto dell`educazione nel campo dell`evangelizzazione dei giovani”.

Un appello è rivolto a tutta la Congregazione perché sia attenta a“rafforzare la proposta cristiana, la presenza della Chiesa e il carisma di Don Bosco” nel vecchio continente nel quale il calo delle vocazioni e le sfide dell’evangelizzazione crescono. Benedetto XVI invita i salesiani a proporre ai giovani il fascino della vita consacrata salesiana facendo riferimento esplicito anche alla figura del coadiutore.

Una menzione particolare è rivolta all’Università Pontificia Salesiana per il contributo “originale e specifico” offerto in passato e per il compito alla quale è chiamata ogni nella formazione. “Il sistema preventivo di Don Bosco e la tradizione educativa salesiana spingeranno sicuramente la Congregazione a proporre una pedagogia cristiana attuale, ispirata allo specifico carisma che le è proprio. L`educazione costituisce uno dei punti nodali della questione antropologica odierna, alla cui soluzione l`Università Pontificia Salesiana non mancherà, ne sono sicuro, di offrire un prezioso contributo”.

Concludendo il Papa si rivolge al Don Chávez: “Signor Rettore Maggiore, il compito che sta davanti alla Congregazione Salesiana è arduo, ma anche esaltante: ogni membro della vostra grande Famiglia religiosa è infatti chiamato a rendere presente don Bosco tra i giovani del nostro tempo”. E indicando il bicentenario della nascita di Don Bosco e quanto il CG26 deliberà il Pontefice esorta i Salesiani a “essere sempre più «segni credibili dell`amore di Dio ai giovani» e a far sì che i giovani siano davvero speranza della Chiesa e della società”.

Torna all'archivio

SCRIVI UN COMMENTO

 
 
 
 Il codice visualizzato fa distinzione tra le lettere maiuscole e quelle minuscole.

Eventi Ispettoria

loading eventi

News ANS

Newsletter

Mantieniti aggiornato, ricevi le nostre news