CON DON BOSCO UN'IMPRESA COMUNE PROGETTARE IL WELFARE AL SUD

venerdì 05 settembre 2014
News in Ispettoria

“CON DON BOSCO UN'IMPRESA COMUNE PROGETTARE IL WELFARE AL SUD” è questo il titolo della tre giorni -dal 31 agosto al 2 settembre - tenutasi nella splendida cornice di Pacognano.

Una iniziativa dedicata agli operatori della carità che svolgono il loro servizio nelle realtà salesiane del sud, esperienza fortemente voluta e promossa dal neonato comitato interregionale SCS/CNOS Don Bosco
al Sud e dalla Consulta per l'Emarginazione e il Disagio Giovanile.

Nel corso della tre giorni numerosi sono stati i saluti e le relazioni
presentante dai salesiani:

DON STEFANO MARTOGLIO Consigliere regionale per la nuova regione Mediterranea

DON PASQUALE CRISTIANI Ispettore dei salesiani del meridione

DON GIOVANNI D'ANDREA presidente CNOS/SCS salesiani per il sociale

DON TONINO PALMESE Vicario Diocesi di Napoli Caritas e legalità

DON FABIO BELLINO delegato della pastorale giovanile del meridione

DON ANTONIO CARBONE incaricato emarginazione e disagio

DON FRANCESCO PREITE Vice -presidente del comitato interregionale SCS/CNOS Don Bosco al Sud

Interventi arricchiti dall'importante presenza e relazione del dott.
Porfido Monda dirigente responsabile dell'ufficio di piano ambito N30 Docente universitario a Napoli corso di laurea in programmazione,amministrazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali. 

Ma i veri protagonisti di questi giorni sono stati come sempre, nello stile salesiano, loro: i giovani partecipanti, con i loro interrogativi, le loro preoccupazioni ed il loro entusiasmo, con il desiderio di conoscere, confrontarsi e crescere.

Dalle relazioni e dai workshop su temi specifici sono emerse le difficoltà di operare nel sociale ma anche la grande passione educativa, la bellezza di servire il prossimo soprattutto i più bisognosi e il desiderio di essere e formare buoni cristiani e onesti cittadini.

Nell'anno del bicentenario della nascita di don Bosco questa iniziativa è stata la prova di quanto ancora il messaggio salvifico di don Bosco a favore dei giovani sia attuale, utile e come questo continui oggi nell'era della digitalizzazione, con nuovi metodi ed iniziative attraverso l'impegno dei salesiani, degli oratoriani e di quanti amano don Bosco.

L'esperienza unica e nell’ auspicio di tutti presto ripetibile è stata una iniezione di fiducia per tutti, la dimostrazione di come al sud sia possibile, ispirati dagli insegnamenti di don Bosco, proporre, presentare e progettare una propria visione e stile del welfare formandosi, dialogando con tutte le agenzie educative, con le istituzioni e impegnandosi, con tutte le realtà del territorio, nel fare rete.

 

Massimo Rosario Marino Consigliere comitato interregionale SCS/CNOS Don Bosco al Sud

Torna all'archivio

Eventi Ispettoria

loading eventi

News ANS

Newsletter

Mantieniti aggiornato, ricevi le nostre news