Pastorale Giovanile

 

SETTORE PASTORALE GIOVANILE 

La pastorale giovanile, così come eravamo abituati a portarla avanti, ha subito l’assalto dei cambiamenti sociali e culturali. I giovani, nelle strutture consuete, spesso non trovano risposte alle loro inquietudini, alle loro esigenze, alle loro problematiche e alle loro ferite. […] Anche se non è sempre facile accostare i giovani, stiamo crescendo su due aspetti: la consapevolezza che è l’intera comunità che li evangelizza e l’urgenza che i giovani siano più protagonisti nelle proposte pastorali.
(Christus Vivit 202) Spazi specifici dedicati dalla comunità cristiana ai giovani, come gli oratori e i centri giovanili e altre strutture simili manifestano la passione educativa della Chiesa. Essi si declinano in molti modi, ma rimangono ambiti privilegiati in cui la Chiesa si fa casa accogliente per adolescenti e giovani, che possono scoprire i loro talenti e metterli a disposizione nel servizio. Essi trasmettono un patrimonio educativo molto ricco, da condividere su larga scala, a sostegno delle famiglie e della stessa società civile. Nel dinamismo di una Chiesa in uscita è però necessario pensare a un rinnovamento creativo e flessibile di queste realtà, passando dall’idea di centri statici, dove i giovani possano venire, all’idea di soggetti pastorali in movimento con e verso i giovani, capaci cioè di incontrarli nei loro luoghi di vita ordinari - la scuola e l’ambiente digitale, le periferie esistenziali, il mondo rurale e quello del lavoro, l’espressione musicale e artistica, ecc. - generando un nuovo tipo di apostolato più dinamico e attivo. (Documento Finale. XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei Vescovi (3-28 ottobre 2018). I giovani, la fede e il discernimento vocazionale 143)

IMPEGNI SPECIFICI 2020-2021

1. Accompagnare le esperienze pastorali nella loro ricomprensione di sé a partire dall’emergenza Covid-19;

2. dialogare con l’incaricato EDG per studiare la possibilità di attivare stabilmente nuovi servizi per i minori a rischio;

3. facilitare, da parte delle CPG, la conoscenza del Documento Programmatico MGS (revisione 2020);

4. avviare l’esperienza di GioCat;

5. completare il processo di revisione del FxA;

6. consolidare le realtà del DB IME Ets e del Comitato Interregionale Salesiani per il Sociale Donboscoalsud;

7. accompagnare le Opere dell’Albania e del Kosovo nella riflessione sul PEPS locale;

8. continuare a monitorare e verificare, con l’equipe di PG, la stesura del PEPS locale da parte delle singole realtà.

Eventi Ispettoria

loading eventi

News ANS

Newsletter

Mantieniti aggiornato, ricevi le nostre news